Chiama
Scrivici
Whatsapp

Fin dove può spingersi un Bodyguard senza infrangere la legge?

La triste vicenda di cui tanto si sta parlando, riguardo i "festini" avvenuti nelle proprietà di Alberto Genovese, fondatore di Facile.it, e che sta facendo il giro del mondo. 

Di questa triste vicenda  vorremmo analizzare la figura che in questi giorni viene menzionata sempre quando si parla di qesti "festini" a base di droga, alcol e donne:  i bodyguard di Genovese, che a quanto si legge sui giornali, vigilavano sulla privacy di Genovese, stazionando davanti alla porta ed impedendo a chiunque di accedere, mentre all'interno della stanza si sarebbero consumati reati sessuali ai danni di giovani ragazze, drogate e quindi incapaci di difendersi e di opporre resistenza. 

Ci teniamo a precisare che questo non è un tribunale, e facciamo riferimento esclusivamente alle notizie che le principali fonti di informazione stanno riportando. 

Soffermandoci quindi sul ruolo del bodyguard, ci teniamo a chiarire soprattutto per gli addetti ai lavori più giovani e con meno esperienze, che occuparsi della sicurezza di una persona o di una famiglia, non ci pone al di sopra della legge, mai ed in nessun caso. 

Di conseguenza, se il bodyguard nello svolgimento delle proprie mansioni, consente o comunque agevola il commettersi di un reato, addirittura impedendo ad altri di accedere ad una stanza per intervenire in soccorso di chi subisce una violenza, è senza ombra di dubbio complice di chi sta commettendo il reato, e come tale verrà processato. In questo caso specifico dalla lettura degli atti allegati all’inchiesta per violenza sessuale e sequestro di persona contro il primo amministratore delegato di Facile.it (ha lasciato nel 2014) e fondatore di Prima.it, condotta dal pm Rosaria Stagnaro e dall’aggiunto Letizia Mannella, si scopre che la vittima avrebbe inviato un messaggio alle amiche con scritto «Sono in una situazione pericolosissima» e che i tentativi di sottrarre la giovane all’aggressione sono stati addirittura tre, nell’arco di quattro ore: tutte le volte sono stati bloccati dal bodyguard di Genovese.

Quindi consigliamo vivamente a tutti gli operatori di qusta categoria professionale, di stare sempre molto attenti ai contesti nei quali si lavora, e se necessario, a prendere le distanze da "clienti" che tendono a farci trovare in situazioni del genere. 

Siamo consapevoli che non è una decisione facile quella di rinunciare ad un incarico come bodyguard di una persona facoltosa e importante, ma siamo altresì certi che il gioco non valga la candela.  

Operando a stretto contatto con personaggi che hanno uno stile di vita come quello che in questi giorni sta emergendo indagando su Alberto Genovese, è davvero difficilissimo se non impossibile, riuscire a restare completamente estranei a fatti del genere, in quanto spesso questi personaggi assumono un bodyguard anche per essere più liberi di mettere in atto tali tipologie di condotte illecite, senza essere disturbati.


 



CONTATTACI
INVIA RICHIESTA